logo NetOne - media and a united world

NetOne

media and a united world

di Claudia Di Lorenzi

Il libro di Raffaella Cosentino con i contributi di Emma Bonino, Daniela Pompei, Pasquale Ferrara, Michele Zanzucchi

Immigrazione

“Perché il mondo ha bisogno di vedere il cadavere di un bambino per credere che nel Mediterraneo è in corso un’ecatombe?” Prende le mosse dalla vicenda del piccolo Aylan - il bimbo siriano annegato nel tentativo di raggiungere con la sua famiglia l’isola greca di Kos, il cui corpicino senza vita, riverso sulla spiaggia turca di Bodrum, ha fatto il giro del mondo sui media – il libro “Immigrazione” di Raffaella Cosentino, edito da Città Nuova.

Un viaggio sulle rotte dei migranti che attraversa, per smascherarli, luoghi comuni e pregiudizi, spesso veicolati dai media attraverso un linguaggio distorto, stereotipato, superficiale e impreciso. Un viaggio che tratta di numeri, quelli veri, e di fatti, vissuti in prima persona, e raccontati da una giovane reporter che non teme di scendere in mare al seguito dei volontari che salvano vite. Un viaggio che mostra l’inadeguatezza delle politiche nazionali e internazionali, che va da Lampedusa ai Balcani, da Schengen a Papa Francesco, e che richiama ad un approccio globale di medio e lungo periodo al fenomeno delle migrazioni forzate, capace di valorizzarne la dimensione storica e quella culturale, e di sollevare il velo dell’indifferenza sulla vita dei migranti, non “clandestini” ma persone.

Un percorso che si arricchisce di diversi contributi, fra cui quello di Emma Bonino, già Senatrice e ministro degli Affari Esteri, che parla delle responsabilità dell’Europa ma anche dell’impossibilità di calare soluzioni dall’alto, in un’area dove allo scontro storico fra sunniti e sciiti si somma ora una guerra interna al mondo sunnita: “La prima illusione – osserva Bonino - è che la soluzione sia militare. La seconda illusione è che la soluzione sia Occidentale. Si passa necessariamente da un accordo politico fra i paesi dell’area”. Quindi Daniela Pompei, responsabile della Comunità di Sant’Egidio per i servizi agli immigrati, mette in risalto l’esigenza di un maggior coordinamento fra le politiche dei paesi UE, richiama alla necessità di trovare soluzioni anche per i migranti “economici” e “ambientali” e sottolinea il valore della cooperazione internazionale per offrire sostegno e lavoro nei paesi di partenza. Il diplomatico Pasquale Ferrara ribadisce che il tema va affrontato con un approccio globale: “Mentre la maggior parte delle attività umane e sociali (…) ormai si svolge a prescindere dall’esistenza dei confini interstatali la struttura politica fondamentale del mondo rimane testardamente ancorata ad una dimensione territoriale che non trova più riscontro nella fenomenologia dei processi globali. Il mondo – specie quello economico e finanziario – ragiona in termini di flussi, noi invece ragioniamo, dal punto di vista delle politiche nazionali, ancora in termini di stock”. Gli fa eco  Michele Zanzucchi, direttore della rivista “Città Nuova”, che evidenzia la necessità di uno sguardo nuovo su un fenomeno non più transitorio: “l’Europa – spiega - di questo fenomeno ha capito poco o nulla, purtroppo. I migranti vengono in Europa da Sud e da Sud-Est per due ragioni: per sfuggire alle guerre che colpiscono il Medio Oriente e l’Africa e, soprattutto, per cercare un tenore di vita migliore. Tale flusso non è arginabile non solo nel breve termine, ma nemmeno nel medio e lungo termine”.

In chiusura un prezioso glossario sulle “parole delle migrazioni”, per favorire un dibattito consapevole e pertinente.

 

Sulla comprensione reale del fenomeno migratorio, presso l’opinione pubblica in particolare, molto peso hanno le rappresentazioni offerte dai mass media, anch’esse influenzabili. Ne abbiamo parlato con l’autrice del volume, Raffaella Cosentino:

“Siamo passati da una descrizione che si concentrava sull’uso del termine “clandestino”, che è fuorviante e abbastanza razzista, al non usare più questa parola. La svolta per i media italiani è stata innescata dalla visita di Papa Francesco a Lampedusa, perché il Pontefice, con l’impostazione che ha dato sul fenomeno delle migrazioni e dei rifugiati, ha spinto tutti ad essere più cauti, anche se c’è qualcuno che ancora uso questo termine. Quello che non è cambiato è la tendenza a raccontare il fenomeno come un’emergenza, un’ondata, con toni allarmistici, e che si concentra su un pallottoliere di numeri. Ora si dice “un milione arriveranno, 500mila arriveranno”, per concludere che “non c’è più posto, è il caos”. Ma così si perdono di vista le storie delle persone, le cause di questo fenomeno. Sono appena rientrata da un’esperienza su una nave privata che fa soccorso ai gommoni in mare al largo della Libia. Visto da li il fenomeno ha un’altra prospettiva: ci sono persone coraggiose che sono degli eroi, e accanto alle marine militari e alla guardia costiera italiana, che sono chiamati a questo compito, ci sono soggetti privati e volontari che si impegnano nel salvare persone in mare e questo è incredibile. Di fronte a questo sforzo, a tante vite perse in mare, ridurre quello che sta accadendo al “non c’è più posto” è disumano”.

Quali conseguenze comporta una tale rappresentazione?

“Le persone non capiscono cosa accade nel Mediterraneo dove è in corso una vera e propria guerra, e comunque si tende a focalizzare l’attenzione sulla mancanza di risorse rispetto al numero di persone in arrivo, che invece è relativamente piccolo. Si tratta poi di persone che vengono dalla Libia – per esempio – dove è impossibile restare perché le condizioni sono atroci, fra torture e pressioni, tanto che spesso non resta loro che affidarsi ai trafficanti, anche sotto la minaccia delle armi: vengono stipati nei gommoni all’inverosimile e buttati in mezzo al mare con l’idea che moriranno. E allora c’è questo sforzo incredibile di trovare i gommoni, arrivare in tempo per salvare i migranti, tirare su i bambini dall’acqua prendendoli per i capelli. Di fronte a questo, per un paese come il nostro, che pur in declino resta opulento, dire che non abbiamo risorse significa prestare il fianco a movimenti politici razzisti che perseguono solo il loro interesse”.

Citando il Papa, lei parla del rischio della “globalizzazione dell’indifferenza”: come prevenirlo?

“Spiegando quello che succede e raccontando le cause dei fenomeni. Però secondo me si tratta di un problema culturale è più ampio, di aver perso i valori di riferimento, di aver perso in umanità, ed è qualcosa che va oltre il giornalismo, perché noi possiamo anche raccontare le storie ma serve che dall’altra parte ci siano persone pronte ad ascoltare e che non abbiano il cuore chiuso. Se abbiamo fatto qualcosa come italiani di cui andare orgogliosi in questi anni è proprio l’operazione di salvataggio delle persone in mare: nel 2014 l’Italia ha salvato 170mila persone da sola, e solo dopo sono venute in aiuto navi da altri Paesi europei. È stata l’Italia a dare il via a questa operazione ma è un peccato che la cosa non venga raccontata bene e che gli italiani non riescano a recepirlo e ad essere orgogliosi del nostro paese”.

Di fatto non sappiamo nulla dei migranti che arrivano sulle nostre coste ma soprattutto di quelli che non sopravvivono al viaggio. Cosa perdiamo in questa rappresentazione riduttiva?

“Il punto fondamentale è che non si fa capire alle persone che le migrazioni forzate sono tali perché le persone non scelgono volontariamente di venire. Ci si è persi nella distinzione fra migranti e economici e rifugiati che, per quanto riguarda il flusso proveniente dalla Libia, è del tutto fuorviante: è vero che al momento non c’è la guerra, come in altri paesi dell’Africa subsahariana, e in molti fra quelli che partono lavorano in quei paesi, ma le condizioni sono tali – e i loro racconti lo confermano - che di fatto hanno pochissima scelta e anche loro sono migranti forzati. Le persone che dicono “statevene a casa vostra” non capiscono che se potessero resterebbero a casa loro. Non posso accettare che una persona sia libera di fuggire dalla guerra ma non dalla fame, che non debba morire sotto le bombe ma possa morire di fame, come se la fame fosse una cosa che qualcuno sceglie. Invece accade spesso che la fame, la siccità, le carenze alimentare siano dovute anche a cambiamenti climatici magari indotti dai paesi occidentali”.

La responsabilità dei media - nel racconto delle migrazioni - risiede poi anche nella loro capacità di influenza sul mondo della politica: fu dopo la strage di Lampedusa, nell’ottobre 2013 - che vide 366 migranti morti - che il governo italiano avviò l’operazione Mare Nostrum…

“Sicuramente i media influenzano la percezione dell’opinione pubblica, per questo servono risorse e capacità di visione, ma questo nel panorama mediatico italiano non c’è, perché risente del declino culturale del paese. Un aspetto che viene taciuto ad esempio è il fatto che in Italia si abbassa il numero della popolazione attiva, ovvero i giovani che lavorano e pagano le pensioni degli altri e fra qualche anno non avremo abbastanza immigrati per supplire a questa carenza. Abbiamo giovani volenterosi che arrivano dall’Africa e vogliono semplicemente lavorare per mandare soldi alle loro famiglie: potremmo fare tesoro di questa risorsa, favorire l’inserimento regolare di queste persone perché possano dare quel contributo che sono molto motivate a dare - anche perché in genere fanno lavori non qualificati che gli italiani non vogliono più fare - e non trattarle come un problema da affrontare con misure emergenziali”.

Con quale atteggiamento deve porsi il giornalista chiamato a raccontare l’ennesimo sbarco o la condizione dei migranti nei campi profughi?

“Direi di guardare a queste persone appunto come persone non come categorie di “migrante” o “clandestino”, e di porsi alla pari per poterle raccontare”.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.