logo NetOne - media and a united world

NetOne

media and a united world

di Thomas Klann

Se tutto è perfetto, dove rimane la fantasia?

 

(clicca per ingrandire)

Oggi è facile scattare foto, lo facciamo tutti, con il cellulare, con la macchina fotografica, con la telecamera... ma quando una foto è di qualità?
Cosa fa la qualità di una fotografia?
E qui vi chiedo perdono in anticipo se devo dare un po' di numeri :-).





di Thomas Klann

Foto da incorniciare

 

200 80

(clicca per ingrandire)

Alla fine dello scorso settembre ho potuto trascorrere qualche giorno di vacanza ad Ischia.
Oggi che - con le schede da 32GB e più - non c'è più la preoccupazione di dover cambiare il rullino (cosa che limitava e selezionava il numero degli scatti), è facile perdere il controllo del numero di foto fatte. 





di Thomas Klann

Spettacoli sott'acqua

 

(clicca per ingrandire)

Io amo i panorami dall’alto, ma ho un amico che invece ama le profondità; è Paolo Calò, non fotografo di professione ma chirurgo.
Nel suo tempo libero si diverte ad andare sott'acqua, e lo fa senza usare mezzi ausiliari come le bombole ad esempio.
Fare fotografie subacquee in queste condizioni è impresa ancor più difficile.





di Thomas Klann

Una foto è come un racconto dell'essenziale

 

(clicca per ingrandire)

Tempo fa, ho mostrato alcune foto di architetture, anche di chiese.
Vorrei continuare questa serie con una foto, fatta da Annette Löw, architetto, che si è trovata “nel posto giusto al momento giusto”. Non avendo una macchina fotografica, l'autrice ha usato, come capita spesso oggi, un telefonino.
Chi ha letto altri miei commenti, sa quanto batto sul fatto che non è il mezzo meccanico a fare la foto ma è la nostra capacità di vedere e saper isolare la cosa essenziale per mostrarla ad altri dal proprio punto di vista: è come dare agli altri i propri occhi. Fare una foto equivale a raccontare un'esperienza vissuta: raccontandola ne si estrae la sostanza.





di Thomas Klann

Addio all'inverno

 

(clicca per ingrandire)

Volevo mostrare una foto che fosse un saluto all'inverno, e pensavo ad una mia foto panoramica fatta in Svezia, con tanto di neve e giaccio.
Ma quando un amico e collega mi scrive che era a fare qualche giorno di vacanze nelle montagne del suo Trentino proprio per dare un addio all'inverno, e mi allega la foto che vedete, ho pensato di puntare su quella.
Sono rimasto incantato e sorpreso dalla composizione e dalla sua semplicità. Lui ha intitolato la foto: “Il limite”.





Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.