Proiezione di "Convitto Falcone" a Castel Gandolfo

ConvittoFalcone pL'associazione "Voglia di cambiare" propone un ciclo di incontri su varie tematiche sociali, con denominatore comune l’opera cinematografica.

«Siamo convinti che il “film”, sia esso documentario, cortometraggio o d’inchiesta, e’ un valido strumento di confronto e un importante veicolo di cultura; - così si legge sul sito dell'Associazione promotrice - i “film” (unitamente alla musica) hanno la funzione di aggregare e coinvolgere giovani e meno giovani, fornire spunti per riflessioni su cui discutere, approfondire tematiche riguardanti la nostra vita e il nostro mondo.»
A conclusione di ogni incontro è previsto un breve dibattito con esperti delle tematiche trattate.

Si inizia domenica 20 gennaio 2013, presso la Sala Bazzi di via Aldo Moro a Castel Gandolfo, alle ore 17:30. Verrà  proiettato “Convitto Falcone” di Pasquale Scimeca, con musiche di Franco Battiato. Sarà presente il regista e la produttrice Linda Di Dio.

Il film è  un omaggio che Scimeca ha voluto rendere a Giovanni Falcone, ed è stato presentato agli Eventi Speciali dell’ultima rassegna cinematografica di Venezia; ma s'inserisce anche all’interno di un progetto più ampio di educazione alla legalità.

Un’opera piccola, 30 minuti, capace di veicolare un grande messaggio attraverso la lezione di vita inflitta al giovane protagonista Antonio Conti. Vincitore di una borsa di studio Antonio dal paesino della campagna sicula in cui abita si trasferisce a Palermo, al Convitto Falcone per coltivare la sua precoce intelligenza. Qui per imporsi ai suoi compagni decide di truccare la finale del torneo di calcetto della scuola. Scoperto dal suo professore e mentore, gli viene dato il compito di approfondire la figura di Giovanni Falcone. Con lui riviviamo i giorni dell’attentato, sullo schermo riecheggiano le parole del magistrato e una frase ci colpisce “Voi l’avete ucciso, le sue idee cammineranno nelle nostre gambe”. E le sue idee cammineranno anche dentro di noi e dentro ai cuori di tutti i giovani che un giorno, proprio come diceva Falcone, saranno uomini: uomini onesti.


 

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.