logo NetOne - media and a united world

NetOne

media and a united world

di Maria Rosa Logozzo

I tre peccati dei media

AssCorallo

Papa Francesco sabato scorso ha avuto un incontro con i membri dell'Associazione Corallo, una rete di 212 radio e 69 televisioni di varie regioni italiane che si propone di "essere punto di riferimento dell'emittenza radiotelevisiva privata che dichiari adesione ai principi cristiano sociali".

Il Papa ha replicato a braccio alle parole che il Presidente dell'Associazione gli aveva appena rivolto, lasciando da parte il discorso preparato (consegnato poi all'Associazione).

In una prima parte Francesco evidenzia come verità, bontà e bellezza vanno ricercate tutte e tre insieme:

 "Quella verità… cercare la verità con i media. Ma non solo la verità! Verità, bontà e bellezza, le tre cose insieme.  Il vostro lavoro deve svolgersi su queste tre strade: la strada della verità, la strada della bontà e la strada della bellezza. Ma quelle verità, bontà e bellezze che sono consistenti!, che vengono da dentro, che sono umane. E, nel cammino della verità, nelle tre strade possiamo trovare sbagli, anche trappole. “Io penso, cerco la verità…”: stai attento a non diventare un intellettuale senza intelligenza. “Io vado, cerco la bontà…”: stai attento a non diventare un eticista senza bontà. “A me piace la bellezza…”: sì, ma stai attento a non fare quello che si fa spesso, “truccare” la bellezza, cercare i cosmetici per fare una bellezza artificiale che non esiste. La verità, la bontà e la bellezza come vengono da Dio e sono nell’uomo. E questo è il lavoro dei media, il vostro."

Poi sottolinea che media piccoli e media grandi hanno tutti la loro importanza e la loro funzione:

"Nessuno deve sentirsi piccolo, troppo piccolo rispetto ad un altro troppo grande. Tutti piccoli davanti a Dio, nell’umiltà cristiana, ma tutti abbiamo una funzione. Tutti! (...) E’ importante: cercare l’unità, e non andare per la logica che il pesce grande ingoia il piccolo."

Ammonisce di non 'clericalizzare i laici', perché "Perché ne va dell’identità dell’appartenenza cristiana, lì. Per me, il clericalismo impedisce la crescita del laico." a la clericalizzazione non è dovuta solo ai preti, perché "non ci sarebbe il clericalismo se non ci fossero laici che vogliono essere clericalizzati".

E conclude invitando ad evitare i tre 'peccati dei media':

"Per me, i peccati dei media, i più grossi, sono quelli che vanno sulla strada della bugia, della menzogna, e sono tre: la disinformazione, la calunnia e la diffamazione. Queste due ultime sono gravi!, ma non tanto pericolose come la prima. Perché? Vi spiego. La calunnia è peccato mortale, ma si può chiarire e arrivare a conoscere che quella è una calunnia. La diffamazione è peccato mortale, ma si può arrivare a dire: questa è un’ingiustizia, perché questa persona ha fatto quella cosa in quel tempo, poi si è pentita, ha cambiato vita. Ma la disinformazione è dire la metà delle cose, quelle che sono per me più convenienti, e non dire l’altra metà. E così, quello che vede la tv o quello che sente la radio non può fare un giudizio perfetto, perché non ha gli elementi e non glieli danno. Da questi tre peccati, per favore, fuggite. Disinformazione, calunnia e diffamazione."

Su news.va c'è la possibilità di ascoltare alcuni brani audio del Papa riportati nel servizio fatto da Alessandro Gisotti per la Radio Vaticana.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.